Sì, è possibile associare uno o più pazienti allo stesso gruppo famigliare.